Attività al Parco Nazionale del Gran Paradiso

É tempo di natura! La natura del Gran Paradiso si risveglia dopo il lungo inverno: le valli si ricoprono di erba tenera, i boschi tornano ad essere verdi, i prati sono punteggiati di fiori coloratissimi e riaprono i giardini!

Il territorio del Parco del gran paradiso è come un grande giardino, che tutela un habitat ricco di biodiversità fatto di specie vegetali e animali molto differenti le une dalle altre, ciascuna con un ruolo specifico nell’ecosistema.

Nei secoli però la natura di queste valli ha conosciuto grandi mutamenti, soprattutto a causa dell’intervento dell’uomo, che, con perizia e fatica, ha cercato di plasmare le pendici delle montagne per renderle fertili e produttive: oggi, per custodire e tramandare questo patrimonio di conoscenze e per capire l’impatto che gli esseri umani hanno sull’ambiente naturale, nasce “L’uomo e i coltivi”, la grande novità del 2017 di questo parco nazionale.

E’ infatti aperto al pubblico dal 15 luglio sul versante piemontese del Parco nazionale, a Valprato Soana in frazione Campiglia, il nuovo Centro Visitatori “L’uomo e i coltivi”, un percorso di visita museale che ripercorre la storia dell’agricoltura e mette in rilievo il ruolo dell’uomo nel suo rapporto con l’ambiente naturale in continua modificazione. Sono in corso di realizzazione anche gli allestimenti degli spazi esterni che saranno completati nel corso del 2018. Tra gli obiettivi del centro c’è anche la valorizzazione su la cultura locale e degli aspetti agricolo-paesaggistici che caratterizzano il territorio: dalla metà del Novecento infatti, l’agricoltura di montagna, non abbastanza redditizia, ha smesso di essere praticata e le valli sono cadute in abbandono, con pesanti ripercussioni sul territorio: problemi idrogeologici, la scomparsa dei paesaggi rurali montani, con i caratteristici terrazzamenti, l’impoverimento della biodiversità, la perdita del sapere e delle tecniche tradizionali.

Nel nuovo Centro “L’uomo e i coltivi” i visitatori potranno conoscere le produzioni agricole tradizionali, le tecniche antiche e anche quelle contemporanee; inoltre nella realizzazione del centro è stata curata particolarmente la qualità della produzione di energia da fonti rinnovabili con utilizzo di materiali e pratiche a basso impatto ambientale, che contengono i consumi e limitano il ricorso a combustibili di origine fossile.

Ecco alcuni dei prossimi appuntamenti al granparadiso:

❖ 24 agosto: Cucinare con le erbe spontanee – incontro con la forestale Marta Ferrero

❖ 26 agosto: Curarsi con le erbe – incontro con il farmacista Giovanni Ferraris

Per chi ama i fiori e i giardini:

Sul versante valdostano a Cogne del Parco inoltre, si trova anche un autentico gioiello, il Giardino Alpino Paradisia: 15.000 metri quadrati di conche e avvallamenti su cui si affaccia il massiccio del Gran Paradiso, dove vivono circa 1.000 specie provenienti dalle Alpi e dagli Appennini, alcune anche da zone montuose di tutto il mondo, numerose piante officinali, e specie vegetali tipiche degli ambienti più diversi, come le zone umide, le morene, i detriti calcarei. Alcuni percorsi tematici consentono di conoscere le caratteristiche di queste piante e uno dei sentieri che attraversa Paradisia conduce anche al giardino delle farfalle, un angolo di vera magia.

Fonte da: www.openmindconsulting.it

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...